Tessuti

I nostri tessuti

Sin dal 1910 utilizziamo solo le fibre più pregiate al mondo. Ecco i luoghi da dove provengono.

I capi migliori possono essere realizzati solo attraverso le migliori risorse naturali. E tali risorse devono essere utilizzate con cura: dobbiamo avere nei confronti degli animali e del loro habitat la stessa cura che dedichiamo alle persone. Una relazione rispettosa e positiva con le comunità globali e il loro ambiente è stata un elemento chiave del successo di Zegna nella produzione delle fibre più pregiate al mondo.
La Divisione tessile Zegna
Zegna è una delle aziende maggiormente specializzate nella filiera del lusso italiana. Con uno sguardo proiettato al futuro senza dimenticare le proprie origini, il Gruppo ha costantemente accelerato la propria traiettoria di crescita sostenuta e profittevole attraverso l’acquisizione di aziende manifatturiere specializzate, con l’obiettivo di produrre tessuti e materiali di una qualità senza pari, utilizzati da Zegna e altri brand di lusso internazionali. L’acquisizione di queste storiche aziende italiane ha consentito al Gruppo di costituire una Divisione tessile, che celebra l’intramontabile artigianalità Made in Italy. Sono stati così definiti nuovi standard per la produzione di tessuti e sono emersi nuovi metodi di lavorazione nei settori della sartoria di lusso e dell’abbigliamento casual maschile.
Lanificio Zegna
Il Lanificio Zegna, fondato nel 1910, è il pilastro del successo dell’azienda ed è rinomato a livello internazionale per i tessuti più pregiati al mondo. Quattro generazioni della famiglia Zegna hanno contribuito a questo successo nel settore tessile, bilanciando sapientemente scienza e natura, artigianalità e tecnologia. Il Lanificio ha così rivoluzionato il settore dei tessuti maschili, creando tessuti sofisticati più leggeri, morbidi e raffinati, caratterizzati da migliori prestazioni e funzionalità.
Il ciclo di produzione completo comprende diverse fasi, dalla selezione delle materie prime al finissaggio. Questo ci consente di ottenere più facilmente un prodotto sostenibile e individuare nuovi processi di produzione e riutilizzo. Ci permette di essere pienamente responsabili di quello che vendiamo ai nostri clienti, per l’intero ciclo produttivo. I fiumi alpini forniscono l’acqua dolce impiegata per il lavaggio dei tessuti del Lanificio Zegna, che conferisce una finitura particolarmente morbida. La ricerca della qualità e la valorizzazione di tecnologie contemporanee messe a servizio della maestria artigianale sono il filo conduttore che collega il nostro passato, presente e futuro.

Il Lanificio non è solo un centro di eccellenza in termini di qualità del prodotto, ma anche un esempio di impegno a favore della sostenibilità ambientale. L'energia rinnovabile utilizzata ogni anno dall’impianto di produzione ammonta a circa la metà del totale di quella consumata e proviene nella sua interezza da due centrali idroelettriche e da pannelli solari di proprietà del Lanificio. Oltre a questi importanti aspetti, molti altri sono gli sforzi fatti per ridurre l'impatto ambientale del Lanificio.

Nel 2012, la sostituzione della copertura del tetto degli stabilimenti, passando dalle normali tegole ai pannelli di alluminio, ha consentito un risparmio annuale di energia termica del 5%. Inoltre, l'installazione nello stesso anno di un sistema innovativo ha permesso un ulteriore risparmio energetico, grazie al recupero del calore generato dall'acqua di raffreddamento dei processi di tintura, trasferendolo al circuito di acqua calda industriale, con un ulteriore risparmio di energia termica. Sempre in questo campo, sono stati apportati ulteriori miglioramenti anche nel 2019, con la sostituzione dell'impianto di illuminazione dei vari reparti, che ha garantito un risparmio del 60% rispetto al fabbisogno annuale di energia elettrica. Tutte queste migliorie sono possibili grazie a un controllo costante dei consumi energetici dello stabilimento. A questo scopo, è stato anche introdotto un nuovo sistema che permette di monitorare i consumi energetici a livello di singolo processo produttivo.

Per quanto riguarda la gestione e l'utilizzo dell'acqua, nel 2019 si è investito in modo consistente nella sostituzione dei macchinari utilizzati per il trattamento dei tessuti. I nuovi acquisti hanno portato a un risparmio del 10% del fabbisogno idrico totale. Sempre per favorire il risparmio idrico, recentemente è stato introdotto un nuovo sistema di depurazione a ozono dell'acqua che permette il recupero di circa il 20-25% delle risorse idriche, che vengono quindi riutilizzate all'interno dello stabilimento, permettendo così un notevole risparmio di acqua. Il nuovo sistema di trattamento delle acque è entrato in funzione all'inizio del 2019.

Tessitura di Novara

Tessitura di Novara

Tessitura di Novara, azienda specializzata nella tessitura serica di alta qualità, è stata acquisita dal Gruppo Ermenegildo Zegna nel 2009. Fondata nel 1932, la storica azienda manifatturiera italiana è diventata leader nella produzione di seta pura e altri tessuti naturali di fascia alta. In virtù della qualità ineguagliabile e dell’unicità dei suoi tessuti, Tessitura di Novara annovera nel suo portfolio clienti alcuni tra i maggiori brand internazionali di moda. Le competenze artigianali e le innovative tecnologie di Tessitura di Novara si sono integrate perfettamente con l’offerta della Divisione tessile del Gruppo Ermenegildo Zegna.

Bonotto

Bonotto

Nel 2016 il Gruppo ha acquisito la quota di maggioranza di Bonotto, azienda manifatturiera tessile di Molvena, giunta alla sua quarta generazione. Fondato da Luigi Bonotto nel 1912, il brand celebra il movimento della Slow Factory, controparte della produzione di massa a basso costo, che riporta al centro la cultura della lavorazione a mano e le tecniche tradizionali. Bonotto si distingue per il carattere creativo e sperimentale dei suoi tessuti. All’interno della fabbrica sono presenti 18.000 opere d’arte appartenenti alla Bonotto Foundation, un’ispirazione per i processi produttivi, che fanno di Bonotto una vera “fonte creativa” di tessuti alla moda. L’azienda è costituita da un Centro Stile dedicato alla ricerca e allo sviluppo, uno stabilimento per la tessitura e l’orditura e un impianto riservato alla tintura e al finissaggio.

Cappellificio Cervo

Cappellificio Cervo

Nel 2018 il Gruppo ha acquisito il controllo dello storico Cappellificio Cervo di Biella, un’azienda produttrice di cappelli con oltre 150 anni di storia, una tra le pochissime realtà dove è ancora possibile osservare tutte le fasi di lavorazione del cappello. Ogni passaggio, dalla soffiatura alla finissaggio, incluso l’attento lavoro di decorazione, viene eseguito all’interno del laboratorio del cappellificio. Utilizzando i macchinari originali dell’Ottocento, tradizione e innovazione si uniscono per dar vita ad eleganti cappelli di feltro destinati a prestigiosi brand di lusso in tutto il mondo.

Dondi

Dondi

Nel 2019 il Gruppo Ermenegildo Zegna ha acquistato la quota di maggioranza dell’azienda Dondi. Giunta al suo 50º anno di attività, Dondi è leader nella produzione di tessuti in maglia di alta qualità da uomo e da donna, esclusivamente Made in Italy. Attraverso tale acquisizione, il Gruppo non solo rafforza la propria posizione nel settore tessile femminile, ma espande considerevolmente anche la specializzazione della propria filiera tessile.
Il consumo del Gruppo *
Il Lanificio non è l'unica realtà all’interno del mondo Zegna interessata al passaggio verso un consumo e una produzione più sostenibili. L’intero Gruppo, infatti, si impegna attivamente per adottare energie rinnovabili e rispondere alle proprie necessità attraverso risorse autogenerate.

Considerando questi fattori, la percentuale complessiva di energia elettrica ottenuta da fonti rinnovabili e dall'impianto di cogenerazione, che presuppone alta efficienza, porta a una copertura di circa il 40% del totale dell'energia elettrica utilizzata. Inoltre, nel 2019 il Gruppo Ermenegildo Zegna ha consumato 173.400 GJ di gas naturale, quasi il 4% in meno rispetto al 2018.

*I dati relativi ai consumi energetici del Gruppo riportati nella tabella seguente non comprendono le società Thom Browne e le seguenti società: Sorgenti EZ S.r.l., Ezesa Argentina S.A., E.Z. Thai Holding Ltd., 61 West 23rd Street LLC, Achill Land Pty Ltd. ed EZ US Holding Inc. Inoltre, solo per l'anno di riferimento 2019 includono Dondi e Cappellificio Cervo. Infine, i dati relativi al gas naturale non comprendono i consumi dei punti vendita del Gruppo.

Consumo del gruppo nel 2019 e nel 2018 **
L'impegno del Gruppo a favore della riduzione del proprio impatto ambientale è evidente anche nelle scelte legate alla flotta aziendale***. Nel 2018 di particolare importanza è stata l'installazione di due stazioni di ricarica per veicoli elettrici, un chiaro segnale della volontà del Gruppo di incoraggiare i propri dipendenti verso scelte più responsabili in materia di ambiente. Una volontà confermata, all'inizio del 2020 il Lanificio ha aggiunto la sua prima auto elettrica alla flotta aziendale.

L'aumento dei consumi relativo alle automobili, riportato nella tabella seguente, è dovuto principalmente all’arrivo di otto veicoli aggiuntivi, mentre il consumo stesso è stato calcolato considerando una media rispettivamente delle automobili diesel e benzina e i chilometri percorsi su base annua.

**La conversione da kWh a GJ e da m3 a GJ è basata sui coefficienti di conversione del DEFRA (Department for Environment Food & Rural Affairs - Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali del Regno Unito) (2019). In particolare, con riferimento al consumo di energia elettrica, 1 kWh è pari a 0,0036 GJ, mentre con riferimento al gas naturale, 1m³ è pari a 0,03901 GJ. I dati sul consumo di gas naturale per il riscaldamento dei negozi non sono disponibili perché inclusi nell'affitto e non indicati separatamente.
***I dati relativi alla flotta aziendale non includono i furgoni.


Consumo di carburante della flotta del Gruppo nel 2019 e nel 2018 ****
Con un occhio al futuro, il Gruppo Ermenegildo Zegna ha fissato un importante traguardo per la salvaguardia dell’ambiente naturale, mettendosi in prima linea insieme a molti altri importanti brand del settore della moda. Nell'agosto 2019 ha sottoscritto il Fashion Pact che, nell'ottobre dello stesso anno, ha raggiunto un totale di 56 firmatari, in rappresentanza di 250 marchi. Si tratta di un impegno concreto per adottare traguardi e obiettivi più specifici al fine di assicurare la tutela degli oceani e la biodiversità del pianeta, contrastando al contempo i cambiamenti climatici.

Questi temi di assoluta rilevanza, infatti, sono legati alle priorità stabilite dagli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'ONU, dai Planetary Boundaries o confini planetari e da tutte le Convenzioni dell'ONU.
In particolare, le tre linee di azione sono articolate in:
- Mitigare e adattarsi al cambiamento climatico
- Invertire la curva della perdita di biodiversità entro 10 anni
- Affrontare il problema della perdita critica di funzionalità degli oceani dovuta al cambiamento climatico e all'inquinamento.

La firma del Fashion Pact rappresenta una misura concreta per affrontare le questioni ambientali e contribuire a una coabitazione in armonia fra esseri umani e il pianeta. È quindi una garanzia della dedizione del Gruppo Ermenegildo Zegna nei confronti della sua responsabilità ambientale.

****La conversione da litri a GJ si basa sui coefficienti di conversione del DEFRA (2019). In particolare, con riferimento alla benzina, 1 litro è pari a 0,0323 GJ, mentre con riferimento al diesel, 1 litro è pari a 0,0359 GJ.GJ.