Le materie prime

Progetto Vicuña

Ermenegildo Zegna è orgoglioso di fare parte dell’International Vicuña Consortium fin dalla creazione nel 1994; attraverso questo organismo collabora con il governo peruviano e le comunità locali per la protezione e salvaguardia della vicuña.

Il consorzio ha avuto l’onore di riportare questa fibra sul mercato permettendo agli allevatori locali di riappropriarsi delle vicuñas, loro patrimonio nazionale, con la possibilità di ricavare legalmente un reddito dalla tosatura, a condizione di impegnarsi a proteggere gli animali dal bracconaggio. Grazie a questa iniziativa, le specie sono state protette e salvate dall’estinzione; negli anni Sessanta non rimanevano più di 5.000 animali, oggi il totale supera i 150.000 capi.


Zegna e le comunità locali

Durante i mesi secchi di giugno, luglio e agosto, la carenza di acqua sulle Ande diventa più estrema. Il periodo coincide con la stagione di riproduzione della vicuña, e molti animali giovani non sopravvivono a questi difficili mesi. Il Progetto Perù si propone di proteggere e salvaguardare allevatori ed animali, mediante la fornitura dell’acqua indispensabile per la vita, migliorando così l’eco-sostenibilità della zona.
La Fondazione Zegna ha oggi istituito in Perù un nuovo progetto filantropico destinato a sviluppare una struttura idrica nella comunità di Picotaini: pozzi, dighe e oltre 10 chilometri di canali porteranno acqua agli allevatori aumentando le possibilità di sopravvivenza e riproduzione degli animali.