Ermenegildo Zegna Founder's Scholarship

Panoramica

Il programma “Ermenegildo Zegna Founder’s Scholarship” mette a disposizione borse di studio per un importo fino a €50.000 annui per consentire a un ristretto numero di italiani eccezionalmente promettenti di intraprendere un percorso di ricerca o specializzazione post-laurea da uno a tre anni all'estero. Sarà data priorità a donne e uomini che abbiano il potenziale per diventare leader nel loro settore e un sincero interesse a tornare in Italia per dare un contributo positivo all’Italia a seguito del completamento dei loro soggiorni all’estero.

Il programma è stato ideato per onorare la memoria del fondatore del Gruppo Zegna, Ermenegildo Zegna, le sue iniziative, i suoi traguardi ed i valori che egli ha trasmesso. Il Gruppo Zegna è impegnato a finanziare il programma con fondi fino €1.000.000 l’anno.

Candidati ammissibili

Al programma “Ermenegildo Zegna Founder’s Scholarship” possono accedere cittadini italiani o residenti permanenti che abbiano completato (o stiano per completare) un programma di studi universitari. I candidati devono essere stati preselezionati dal loro istituto universitario per poter essere presi in considerazione dalla Commissione di selezione.

Sarà data priorità ai candidati con comprovate necessità finanziarie, che altrimenti non sarebbero in grado di studiare o condurre ricerche fuori dall’Italia. Sebbene non venga posto alcun limite di età, si prevede che i candidati prescelti saranno generalmente neolaureati o persone agli inizi della loro carriera. Il programma è destinato a favorire candidati che dimostrino una sincera volontà di ritornare in Italia dopo il loro soggiorno all’estero. Per questo motivo, agli assegnatari verrà richiesto di impegnarsi a tornare in Italia entro un periodo di tempo ragionevole dopo il completamento dei loro studi o delle loro ricerche all’estero (tre anni, a meno che il candidato non ricopra un incarico pubblico, nel qual caso il limite è di cinque anni) e di rimanere in Italia per almeno tre anni per ogni anno trascorso all’estero nel quadro del presente programma. Ai borsisti che non ritornassero in Italia verrà richiesto il rimborso delle somme erogate.

Programmi ammissibili di studio/di ricerca

Le borse di studio possono essere utilizzate per conseguire una specializzazione post-laurea (master o dottorato di ricerca) oppure per un programma di ricerca presso uno dei maggiori centri universitari o di ricerca all’estero. Nessuna disciplina è esclusa. Sarà però data priorità ai candidati i cui programmi di studio o di ricerca consentiranno loro di dare un contributo potenzialmente significativo all’Italia dopo il loro rimpatrio.

Sintesi procedura di presentazione della domanda e relative istruzioni

La presentazione delle domande e la selezione avvengono esclusivamente attraverso le università che partecipano tuttora al progetto: Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, Università Luigi Bocconi - Milano, Università degli Studi di Milano, Scuola Superiore Sant’Anna - Pisa, Scuola Normale Superiore di Pisa, Università Luiss Guido Carli - Roma.

Prerequisiti per la candidatura

Prima di presentare domanda per una borsa di studio, il candidato interessato deve:
- essere stato ammesso a un programma di ricerca o specializzazione post-laurea fuori dall’Italia
- avere ottenuto l’appoggio dell’università di appartenenza.

Procedura di presentazione della domanda

I candidati possono presentare domanda subito dopo essere stati ammessi presso l’università o il centro di ricerca esteri prescelti ed avere ottenuto l’accredito dalla loro università.

Tutti i candidati devono completare un modulo di domanda. Oltre ai dati biografici standard e a una descrizione del programma che il candidato intende seguire, il modulo, attraverso una dichiarazione personale, invita i candidati a spiegare alla Commissione di selezione come pensano di dare un contributo positivo all’Italia dopo il completamento del loro soggiorno all’estero. I candidati sono invitati a prestare particolare attenzione a tale dichiarazione personale, in quanto svolgerà un ruolo chiave nella decisione della Commissione di selezione.

I candidati saranno tenuti a presentare una o più lettere di referenze, di cui almeno una proveniente dall’università italiana di origine oppure, nel caso di candidati che abbiano già cominciato a lavorare, da un senior manager o un amministratore della società in cui lavora il candidato. Le lettere di referenze dovrebbero essere chieste esclusivamente a persone che conoscono personalmente il candidato.

Tutti i candidati selezionati come finalisti saranno invitati a sostenere un colloquio personale a Roma o Milano. Le ragionevoli spese di viaggio per/da Roma o Milano verranno rimborsate.

 

Scarica il comunicato stampa